Inquinamento «Serve subito il tavolo civico»

Inquinamento «Serve subito il tavolo civico»

L’analisi di gruppo dei benediniani sulla Mantova aggredita da micropolveri e surnatante si è chiusa con una scia di questioni irrisolte. Nella speranza di una successiva seduta. Qualcuno avrebbe…

L’analisi di gruppo dei benediniani sulla Mantova aggredita da micropolveri e surnatante si è chiusa con una scia di questioni irrisolte. Nella speranza di una successiva seduta. Qualcuno avrebbe gradito che l’assemblea apparecchiasse subito un tavolo civico di confronto, altri hanno storto il naso di fronte all’invito al compromesso. Tutti, però, hanno apprezzato la buona fede e l’atteggiamento onesto dei benediniani (a cui si perdona pure lo sforamento dei tempi). Ad accendere il dibattito, la dialettica vivace tra l’ex assessore comunale Carlo Saletta e Chiara Pinfari, risoluta sul turbogas («non prendiamo lezioni dalle amministrazioni precedenti»). Il mordente delle Mantua Mothers, che hanno incalzato l’assessore Anna Maria De Togni su traffico e mobilità («Serve uno studio sull’inquinamento dei mezzi Apam» la risposta). La denuncia della stessa De Togni circa la fatica a procurarsi informazioni e documenti. La grinta di Gianni Bombonati, che ha azzardato: rivolgiamoci alla Corte Europea. A offrire una cronaca flash, in pillole, è stata Arianna Visentini (via Twitter, hastag #benedini #mantova). Benedini lo ha ripetuto in coda, confermando la volontà di creare altre occasioni di confronto e rivendicando di aver lavorato assiduamente. Ma la sfida è tutta in salita, e la Visentini condensa l’urgenza di agire in una domanda secca: «Quindi adesso che facciamo?».

Gazzetta di Mantova, 01 febbraio 2012